Nel 1485, Leonardo Da Vinci inventa il carro armato.
Questa invenzione collocata all’inteno del codice di Arundel.
Il progetto di Leonardo raffigura una forma a testuggine rinforzata
con piastre metalliche, sormontate da una torretta interna di
avvistamento.
Il movimento di questa macchina è garantito da otto uomini che,
dall’interno, azionano un sistema ad ingranaggi collegato alle
quattro ruote.
Abbiamo scelto di lasciarci ispirare da questo soggetto perché tra
le opere ed invenzioni di Leonardo da Vinci è quello che a nostro
avviso possiede una forma molto scenografica capace di fornirci
degli spunti geometrici accattivanti adatti a disegnare e progettare
un vestito da donna.

L’abito riprende le parti più caratteristiche del carro armato:
le forme tonde e concave sono state rappresentate sul disegno
nella parte inferiore all’abito; la gonna che è un insieme di pieghe
“plissé” vuole ricordare le assi di legno; mentre la parte della
testuggine è stata realizzata su un soprabito.
Tutte le pieghe avranno dei bottoni con tre dimensioni diverse:
iniziando dalla più piccola, passando per la media e arrivando alla
più grande, per riprendere il dettaglio dei tasselli sulle assi di legno.

Per creare il volume all’abito e quindi creare quella forma concava vuota all’interno, sono stati progettati degli strati in rete o creolina.
Inoltre questo abito è stato arricchito dai colleghi di reparto del laboratorio artistico Artemisia che si sono occupati di dipingere il disegno originale pensato dall’ artista e genio: il carro armato.
Il tessuto scelto per questo vestito è una seta in colore marrone scuro, scelta per attenersi all’idea del legno.

Realizzato grazie al contributo di:

Lascia un commento