Ho scelto come ispirazione per la creazione di questo abito per la mostra, il dipinto “La damma con l’Ermelino”.
Questa opera mi ha colpito per la naturalità e delicatezza che riesce a trasmettere, qualità che vanno oltre alla bellezza.
Cecilia Gallerani, soggetto del dipinto del Maestro, era figlia di un nobile milanese molto facoltoso dal punto di vista economico.
Prendendo lei come musa ispiratrice, ho voluto rendere omaggio sia alla bellezza delle donne milanesi sia a Milano, la città che accoglie questa mostra.

Dal punto di vista tecnico, ho disegnato un abito molto semplice, seguendo un taglio a sirena molto lungo e con una semi campana nella parte inferiore dell’abito. Questa scelta è stata fatta per sottolineare le forme femminili delle donne.
Ho anche progettato una scolatura da un lato, mentre dall’altro ci sarà una manica sporgente con dettagli realizzati in manipolazione di tessuto e ricami di pietre semi preziose.
Tutto attorno al corpo del vestito si avvolge l’Ermelino come nel disegno. Nella parte davanti dell’abito è stato dipinto il volto della “Dama”.

Il tessuto che ho scelto per questo abito è di seta molto delicata, in color oro lucido. L’Ermellino è stato realizzato in una tonalità più scura e con pelliccia artificiale.
Ho scelto di collaborare nella creazione di questo abito da mostra con gli artisti del laboratorio di Artemisia, i quali si sono occupati di dipingere il voto della dama sul tessuto.

Realizzato grazie al contributo di:

Lascia un commento