RATTI E LEONARDO

L’ARTE DEL SAPER FARE

Ratti-srl-03
Ratti-srl-02

RATTI E LEONARDO

L’ARTE DEL SAPER FARE


 

Ratti sceglie di partecipare alla mostra “Leonardo prigioniero del volo” con la consapevolezza di quanto la creatività, la bellezza e l’arte del saper fare siano fondamentali per rinsaldare il legame fra la Casa di reclusione Milano-Bollate e la loro capacità espressiva.
È stato per noi di Ratti un onore avere l’opportunità di far parte di questa esperienza estremamente costruttiva e formativa, vissuta accanto a persone di spessore umano e professionale.

Vorremmo che attraverso il lavoro della Casa di reclusione Milano-Bollate si diffondesse anche una nuova cultura, legata al reciproco aiuto e sostegno, sensibilizzando tutti sull’importanza che un simile gesto possiede e sul significato che esso acquista per coloro che sentono accarezzarsi l’anima.

L’obiettivo, infatti, non era solo trasferire la conoscenza del lavoro di Leonardo ma, soprattutto trasmettere passione.

Ratti

La risposta vera è creare valore, uscire dall’individuale.

 

Antonio Ratti ha pensato, sin dall’inizio, un’azienda che creasse valore per chi lavorava con lui, attraverso la cultura, attraverso la creazione di un prodotto che esprimesse bellezza: -“Il bello aumenta la forza di ognuno di noi”-.

Creare tessuti, colori, disegni è una forma di linguaggio.

Noi lavoriamo con paesi molto diversi: Italia, Inghilterra, Francia, Spagna, Germania, Giappone, Cina, Medio Oriente, Russia, Stati Uniti.
Ogni paese ha un suo linguaggio, un suo modo di abbinare i colori, di scegliere i disegni.

La nostra capacità di interagire con immaginari diversi è diventata sempre più reale, sempre più presente anche nel nostro lavoro. Oggi il mondo è globale. Oggi in azienda lavorano persone con nazionalità e culture diverse.

E questa diversità è vita. Ci si nutre di differenze, esse accrescono il pensiero.

Abbiamo sentito,10 anni fa, il bisogno di costruire un percorso comune, di diventare un’azienda solidale, nel senso vero della parola.
Il rispetto dell’ambiente è stato il primo passo. Energia solare, trattamento delle acque, limitare l’uso della plastica, e, assai importante, non sprecare. Trattare con discernimento ciò che resta è diventato un obiettivo.

Abbiamo sentito Il bisogno di sentirci partecipi della natura che è la comunità prima, e di farne un impegno.

Andy Warhol diceva :
“Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare.”

Quando guardo, con attenzione, gli abiti che avete fatto, rimango colpita dalla loro bellezza. Dall’espressione di una passione. E vi sento vicini. Molto vicini.

Sono contenta che abbiamo contribuito a questo progetto:” Leonardo prigioniero del volo” ma  “Leonardo libero nel volo” ?.
A me sembra, che la passione, che esprimersi sia la vera risposta alla vita e alla prigione. La risposta ad un tempo che rischia di essere buttato via, sprecato.

Spero che possiamo continuare a contribuire al vostro desiderio e alla vostra capacità di costruire il bello.
E che le aziende, con materiali diversi, possano sostenere il vostro impegno nel diventare più liberi. Sempre più liberi.

 

Donatella Ratti

Presidente Ratti S.p.A.

Ratti-srl-09
Ratti-srl-08
Ratti-srl-07
Ratti-srl-06
Ratti-srl-05
Ratti-srl-04

Come disse Anatole France:

“Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere”.

Direzione Generale e Commerciale

Via Madonna, 30 – 22070 Guanzate (CO) – Italia

Centralino:

+39 031 35351

ratti@ratti.it